Non è ancora chiaro? Nessun problema, te lo spiego!

Quando ho sentito per la prima volta il termine “moneta intera” dal mio amico Marco ero in dubbio sul suo significato. Marco mi disse: ”facciamo un piccolo gioco, così capirai. Immagina di essere la Banca Nazionale e di poter creare soldi scrivendo cifre sulla carta. Tutta la Svizzera poi utilizza questi soldi”.

“È fantastico, allora non sono più così al verde e posso comprarmi tutto quello che voglio!”

Ma Marco fece cenno di no: “Purtroppo no. Se i capi della Banca Nazionale utilizzassero i soldi per sé stessi, finirebbero in prigione. I soldi sono per tutti. La Banca Nazionale può solo produrre i soldi, spenderli spetta ad altri.”

“Peccato!”

Marco prese carta e colori e disse: “Ora puoi produrre soldi.”

Colorai i fogli con belle immagini e cifre, era veramente divertente.

Ma a un certo punto anche Marco si mise a scrivere cifre su foglietti propri!

Gli gridai: “Ma cosa fai? Sono io la Banca Nazionale e produco i soldi. Così sono le regole del gioco! Non puoi semplicemente cambiarle e produrre tu stesso soldi.”

“Invece sì, è proprio così che funziona oggi”, ribadì Marco. “Nella costituzione federale sta scritto che i soldi vengono emessi dallo stato. Questa regola del gioco è stata stabilita nel 1891 in una votazione popolare. Ma dalla Banca Nazionale arrivano solo le monete e le banconote, mentre la moneta bancaria elettronica sui nostri conti viene creata dalle banche stesse, e questa costituisce il 90% dei soldi. Siccome le banche producono loro stesse questi soldi, sono pure soltanto loro che ne traggono profitto.”

Dapprima ero un po’ confusa.

Poi ho capito. “È vero, sul conto non c’è scritto niente della Banca Nazionale. Allora sono state cambiate le regole del gioco. Ma non ce ne siamo nemmeno accorti!”

Marco annuì.

“Come è potuto accadere che lasciassimo la produzione della moneta bancaria alle banche? Dovremmo approfittarne noi!”

Marco mi consolò: “Succede spesso che si manchi qualcosa, non è così grave. Ma non è detto che debba restare così. Per questo motivo c’è l’iniziativa per una moneta intera. Tutti i soldi devono diventare della Banca Nazionale, soldi a pieno titolo e garantiti per legge. È questo che s’intende con il termine “moneta intera”.”

Marco mise tutti i foglietti scritti da lui sul mio plico.

“Le banche allora non possono più scrivere cifre su foglietti, ma soltanto prestare soldi già esistenti.”

Ora avevo capito.

“Moneta intera significa che la Banca Nazionale produce anche la moneta bancaria elettronica, come fino ad ora le monete e le banconote.”

“Esattamente”, disse Marco. “E c’è un’altra cosa. Se tu come Banca Nazionale produci tutti i soldi, a chi li dai? Oggi sono in circolazione più di 300 miliardi di franchi. La Banca Nazionale a chi dovrebbe dare i 300 miliardi?

 

 

“Non lo so. A chi dovrei dare così tanti soldi?”

Marco: “Immagina: la Banca Nazionale non presta i soldi, come oggi, alle banche, ma li trasferisce invece allo stato, ai cantoni, e a noi cittadini e cittadine, incentivando così l’economia reale. Puoi immaginarti cosa ciò significhi?”

“Sì! Questo provoca maggiori prestazioni pubbliche, riduzione delle tasse, e soldi direttamente per noi!”

“Ogni tanto ricevo un regalo dalla Banca Nazionale, che trasferisce sul mio conto soldi appena prodotti!”

“Marco, potresti impegnarti affinché la moneta intera diventi realtà?”

 

 

Marco sorrise. “Io partecipo all’iniziativa per una moneta intera. Ma non è così facile. Credo che dovresti fare qualcosa anche tu!”


“Ok, manderò delle email a tutte le mie amiche, metterò il link sui siti sociali, ne parlerò con tutti coloro che incontro, farò tanta pubblicità e darò un contributo di sostegno all’iniziativa - tanto più tardi avrò in ritorno ben di più.”

Credo che ora tu abbia capito l’essenziale. L’iniziativa per una moneta intera naturalmente ha molti altri vantaggi.

Dipende da te che l’iniziativa funzioni.

PER FAVORE PARTECIPA!

ordinare la newsletter «Iniziativa moneta intera»

Newsletter bestellen (IT)

Newsletter-Abo (IT)