Headerslider

"L'idea è buona, e quindi avrà successo.

Cordialmente
Emil"

Emil Steinberger, cabarettista svizzero, autore
«L’essenziale è il riappropriamento pubblico della sovranità monetaria»
Prof. Joseph Huber, sociologo economico ed ambientale
“La moneta intera affronta alla radice i problemi del capitalismo finanziario scatenato.”
Prof. Peter Ulrich, etica economica, San Gallo
"Con la moneta intera il settore finanziario serve all'economia reale e alla società"
Prof. Philippe Mastronardi, Diritto pubblico, St. Gallen

L’INIZIATIVA MONETA INTERA IN 10 SECONDI

Più di cento anni fa è stato vietato alle banche di stampare moneta cartacea. L’iniziativa Moneta intera aspira a un simile divieto per la moneta bancaria elettronica. Solo la Banca Nazionale crea in futuro moneta bancaria e la mette a disposizione, tramite erogazioni esenti da debiti, alla Confederazione, ai Cantoni e ai Cittadini. Ciò ha grandi vantaggi : la moneta intera è protetta da fallimenti bancari, evita bolle finanziarie ed inflazione, ed è redditizia : 5 al 10 miliardi per cittadine e cittadini ! La moneta intera è geniale e svizzera !

Vai a info-in-2-minuti …

Opuscolo "RIFORMA PER UNA MONETA INTERA - Introduzione per i comuni mortali"

Faites le test pour savoir si vous êtes pour ou contre l’initiative Monnaie Pleine.

Sottotitoli in italiano (cc)

E come deve entrare in circolazione il denaro?

Video della campagna - Parte 2

Sottotitoli in italiano (cc)

SETTE DOMANDE RIGUARDANTI IL DENARO … CHE DOVRESTE PORVI

1. Sapete che circa il 90% dei soldi da noi utilizzati … Leggi

IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE CONFERMA GLI EFFETTI POSITIVI DELLA RIFORMA PER UNA MONETA INTERA

Gli economisti del FMI Michael Kumhof e Jaromir Benes nel loro studio « Chicago Plan revesited » analizzarono a fondo la riforma per una moneta intera. ... Continua

Comunicati stampa:

L’élément central de l’initiative Monnaie Pleine est que la Confédération institue la monnaie scripturale électronique en tant que moyen de paiements légal (monnaie pleine), exactement comme les pièces et les billets. Aujourd’hui, les banques produisent 90% de la masse monétaire, soit tout l’argent électronique de nos comptes. C’est pourquoi l’initiative Monnaie Pleine veut étendre le monopole étatique de la création monétaire à la monnaie électronique. Avec la réforme monnaie pleine, le trafic des paiements concernant les comptes privés et de transactions sera séparé des autres activités bancaires, afin que le trafic des paiements ne soit plus touché par le bilan des banques. Comme le précise l’un des initiants de l’initiative Monnaie Pleine Reinhold Harringer, « en cas de faillite d’une grande banque, la problématique du Too-big-to fail sera ainsi atténuée et la nécessité que l’Etat sauve les banques disparaîtra dans une large mesure ».

Leggi tutto

L’Associazione svizzera dei banchieri vuole mantenere il privilegio della creazione di denaro

Il 1. dicembre 2015 l’Associazione svizzera dei banchieri ha pubblicato una dichiarazione sull'’iniziativa Moneta intera.

Come risposta abbiamo scritto questa presa di posizione puntuale.

- L’Associazione svizzera dei banchieri respinge fermamente l’iniziativa Moneta intera e sostiene tra l’altro che, dopo l’accettazione dell‘ iniziativa, la BNS metterebbe a rischio „il benessere stesso della Svizzera“
- La critica dell’Associazione svizzera dei banchieri è infondata. Con l’iniziativa Moneta intera l’approvvigionamento dei crediti rimane garantita. Non vi è neppure un effetto diretto sul tasso d’interesse. Solo l’emissione di denaro viene trasferita alla BNS, mentre la concessione di crediti alle imprese, ai privati e allo Stato rimane come fino ad ora esclusivamente alle banche.
- Dopo un’attenta analisi, la critica dell’Associazione svizzera dei banchieri si dissolve nel nulla. È un miscela di mancata conoscenza, dichiarazioni false e allarmismo. Questa reazione diventa però comprensibile sapendo che l’iniziativa Moneta intera intende abolire il privilegio di emissione di denaro da parte delle banche con conseguente distorsione della concorrenza. I beneficiari di questa “sovvenzione statale occulta”ovviamente non vogliono perdere questo privilegio.
- In merito è illuminante l’affermazione di Philipp Hildebrand, Vicedirettore del gigante della finanza statunitense Blackrock e già presidente della BNS, pubblicata sulla rivista tedesca Der Spiegel am 23.11.2015: “Negli ultimi anni ho imparato che non si dovrebbe sempre dar retta alle lamentele dei rappresentanti delle banche”
- L’Associazione svizzera dei banchieri rappresenta in particolare gli interessi delle grandi banche.Come dimostratoda un sondaggio*, le banche piccole e medie non si sentono rappresentate dall’Associazione svizzera dei banchieri: alla domanda se le banche regionali si sentono rappresentate dall’Associazione svizzera dei banchieri, oltre il 90% dei direttori hanno risposto di no.

Privacy Share-Leiste